Con il decreto fiscale arriva la rimodulazione delle scadenze per la dichiarazione dei redditi. Ecco le novità.

Dal 2021 la presentazione del Modello 730 ha una nuova scadenza. Con il nuovo decreto fiscale il termine ultimo per la dichiarazione dei redditi slitta infatti dal 23 luglio al 30 settembre, con riferimento anche a chi consegna il modello ai sostituti d’imposta, che dovrà farlo non più entro il 7 luglio ma entro il 30 settembre.

Rimodulate di conseguenza tutte le scadenze collegate:

  • la dichiarazione precompilata dal 2021 sarà disponibile per lavoratori dipendenti e pensionati a partire dal 30 aprile e non più dal 15 aprile;
  • Chi deve trasmettere all’Agenzia delle Entrate i dati sulle spese sostenute per poterle detrarre vedono la scadenza prolungarsi dal 28 febbraio al 16 marzo;
  • Consegna della certificazione unica ai lavoratori autonomi: la scadenza passa dal 31 marzo al 16 marzo;
  • Comunicazione dati della Certificazione Unica all’AdE slitta dal 7 al 16 marzo

Cambia poi il calendario per Caf, commercialisti e sostituti d’imposta per inviare i dati all’AdE per conto terzi:

  • entro il 15 giugno per il 730 presentato entro il 31 maggio;
  • entro il 29 giugno per il 730 presentato entro il 20 giugno;
  • entro il 23 luglio per il 730 presentato entro il 15 luglio;
  • entro il 15 settembre per il 730 presentato entro il 31 agosto;
  • entro il 30 settembre per il 730 presentato entro il 30 settembre.